In corso

manifesto celommi small web

 

L’osservazione delle opere di Celommi induce a ritenerle, molto spesso, ricche di luminosità, tanto che lo stesso Michetti lo ha definito “il pittore della luce”: da qui il titolo della nostra esposizione I colori della luce; a riguardo è significativo riportare una espressione del Maestro francavillese il quale, di fronte alle luminose marine celommiane, ha esclamato «Insuperabili!».

L’opera di Pasquale Celommi non è mai solo descrittiva dei paesaggi marini e agresti, ma anche caratterizzata dalla narrazione degli spaccati di vita quotidiana e del lavoro della nostra gente e, per questo, inquadrata nel verismo abruzzese.

La Fondazione Paparella ha scelto di riportare al centro della propria attività espositiva la sua opera perché è uno di quei rari artisti non solo osannato dalla critica d’arte, ma molto amato dal pubblico più eterogeneo per aver avuto la grande capacità di ritrarre il vero nella sua accezione estetica più lieta e godibile. Ricordiamo, a tale proposito, l’aforisma del Professor Paparella Treccia, il quale diceva «Quel che è bello è vero, e viceversa». 

A tale proposito basti considerare la “verità bella” dei dipinti presenti in mostra quali Saluto all’Aurora, La sciabica, Il ciabattino, La pescivendola e di altri.

Dalla presentazione in catalogo di Augusto Di Luzio, Presidente della Fondazione R. Paparella e M. Devlet

 

INFO: Fino al 6 gennaio 2020 * orari 09:30-12:30 / 16:00-19:30 * Lunedì chiuso